PMI

Checklist sul rispetto dei diritti umani per le PMI

La verifica costante della dovuta attenzione nell’affrontare i diritti umani non avviene da un giorno all’altro. Si tratta piuttosto di un processo interno in cui una PMI impara continuamente cose nuove sviluppando e migliorando il suo approccio passo dopo passo.
Share on linkedin
Share on facebook
Share on twitter
Share on email

In ultima analisi, è la direzione dell’impresa che decide se all’interno dell’impresa debba prevalere una cultura in cui i diritti umani vengono rispettati. Il responsabile dovrebbe pertanto assumere un ruolo guida quando si tratta di verificare costantemente il rispetto dei diritti umani nell’azienda. Altrettanto importante, però, è integrare nel processo tutti i gruppi coinvolti – risorse umane, acquisti, gestione della qualità, logistica, ecc. In questo modo, lo sforzo viene distribuito tra le diverse persone, si rafforza la consapevolezza dell’intera PMI sull’argomento e si promuove l’apprendimento collettivo.

Il responsabile dell’impresa dovrebbe assumere un ruolo guida quando si tratta di verificare costantemente il rispetto dei diritti umani all’interno dell’azienda. È però importante coinvolgere tutte le parti interessate nel processo.

Costruire sui processi esistenti

Molte PMI adottano già processi che tengono conto della responsabilità ecologica o sociale. Questo può essere utilizzato come base per stabilire la dovuta attenzione nella gestione dei diritti umani. Le imprese possono fare affidamento sui sistemi di controllo, sulle analisi dei rischi o sulle pratiche di approvvigionamento esistenti e svilupparle ulteriormente.

Checklist per le PMI

La seguente Checklist del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) e della Segreteria di Stato dell’economia (SECO) sostiene le PMI nel garantire che la due diligence nella gestione dei diritti umani sia costantemente considerata:

  • Come posso impegnarmi pubblicamente a rispettare i diritti umani? Ci sono linee guida su cui posso basarmi?
  • Come viene comunicato l’approccio interno ed esterno?
  • C’è il rischio di abuso dei miei prodotti con conseguenze negative per le persone?
  • Dove sono i potenziali effetti negativi sulle persone nella mia azienda e nella catena del valore?
  • I miei dipendenti e i dipendenti dei miei fornitori possono effettivamente lamentarsi degli impatti negativi?
  • Quali misure e processi prevedo per prevenire e mitigare gli impatti negativi?
  • Partecipo o ho processi in atto per compensare eventuali effetti negativi?
  • Come si controlla se le misure funzionano?

Sulla pagina Internet della Confederazione www.nap-bhr.admin.ch le imprese troveranno informazioni sul tema Economia e Diritti umani, workshop, istruzioni per la due diligence sui diritti umani ed esempi pratici. 

Più articoli

Credit Suisse
Il trasporto pubblico è uno dei principali motori dello sviluppo economico e sociale. In Etiopia, Credit Suisse ha cofinanziato negli ultimi anni una linea ferroviaria che apre nuove prospettive per le persone e l’economia. La banca non ha attribuito importanza solo alla sicurezza finanziaria. L’accordo di finanziamento impone anche esplicitamente ai beneficiari di un credito di fornire garanzie di sostenibilità. Ciò significa che il progetto deve soddisfare requisiti sociali ed ecologici. E queste condizioni sono monitorate da esperti indipendenti. L’apertura della linea è prevista per quest’anno.
Swiss Re
La sostenibilità fa parte del DNA di Swiss Re. Fondata a Zurigo nel 1863, la società di assicurazione e riassicurazione primaria attiva a livello mondiale, considera la gestione sostenibile del rischio come un principio aziendale fondamentale. Già nel 2009 Swiss Re ha sviluppato il suo «Sustainability Risk Framework».
UBS
La deforestazione delle foreste pluviali tropicali è un problema con conseguenze globali. Minaccia la diversità delle specie e la biodiversità. Inoltre, le foreste possono immagazzinare CO2 dall’aria. Sono pertanto molto importanti per mitigare il cambiamento climatico.
Logo-Schweizerkreuz

Lo sviluppo economico è il modo migliore per ridurre la povertà.

Newsletter

Wir verwenden Cookies, um Inhalte und Anzeigen zu personalisieren, Funktionen für soziale Medien anbieten zu können und die Zugriffe auf unsere Website zu analysieren. Ausserdem geben wir Informationen zu Ihrer Verwendung unserer Website an unsere Partner für soziale Medien, Werbung und Analysen weiter. Sie geben Einwilligung zu unseren Cookies, wenn Sie unsere Webseite weiterhin nutzen.
Datenschutzbestimmungen
Einstellungen
Alle Cookies akzeptieren